Suicida per amore, processo al suo ex

Si tolse la vita a diciotto anni per una delusione d'amore. E domani, a due anni dalla tragedia, si aprirà in Corte d'Assise, a Torino, il processo all'uomo con cui aveva avuto una relazione: l'accusa sarà di istigazione al suicidio. Un'ipotesi basata essenzialmente sul contenuto di alcuni sms che i due si scambiarono nei venti minuti precedenti. La ragazza, di origini bengalesi, nel giugno del 2016 si lanciò dal balcone di casa, al quinto piano di una palazzina di un quartiere popolare della città. Sulle prime si pensò a un incidente o a un malore. Poi i carabinieri svolsero accertamenti e trasmisero un rapporto alla magistratura. L'uomo, di circa 40 anni, è un connazionale della vittima. Sarebbe stato lui a decidere di troncare il rapporto. Gli sms sono stati tradotti in italiano e il contenuto, almeno secondo gli inquirenti, configura il reato di istigazione. I genitori della ragazza erano presenti all'udienza preliminare ma, a quanto risulta, non si sono ancora costituiti parte civile.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Targatocn.it
  2. La Stampa
  3. Targatocn.it
  4. Targatocn.it
  5. IdeaWebTv

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Saluzzo

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...

    */